sabato 27 aprile 2013

ITALIAN PRIDE #1

Avete mai visto un film ambientato in un decennio diverso da questo? Uno magari ambientato negli anni 20 o negli anni 50..
Avete mai visto un film e magari commentato con frasi tipo: "Ma come facevano a vivere cosi?, Perché si vestivano in quel modo? Perché è tutto cosi diverso, io non riuscirei mai a vivere in un epoca diversa dalla mia!"
Ma, soprattutto, vi siete mai fermati a pensare a quanto possa essere cambiata la storia del nostro paese e, di conseguenza, la nostra?
Io mi interrogo spesso a questo riguardo cominciando a fantasticare su come sarebbe stato vivere negli anni 50 e, ogni volta, amaramente mi rendo conto che ormai non ci sono neanche i resti di ciò che un tempo era il "Bel Paese".
Siamo passati dall'essere un grande paese ad essere solo un paese europeo in difficolta.
Il paese che ha visto nascere l'arte, la letteratura, la moda, il cinema. Il paese che vanta la prima donna-attrice a vincere l'Oscar. Il paese ricostruito dal nulla che attirava ogni anno milioni di turisti. Il paese che aveva la fama di avere gli amanti più belli al mondo (Italians do it better diceva uno slogan). Il paese in cui tutto è nato e da cui tutto poi è andato via.
Il paese in cui, purtroppo, si vedono troppe cose fuori posto in cui la gente è troppo impegnata a correre dall'ufficio al locale, a passare da una discoteca ad un'after (per poi collassare la mattina successiva sul divano) da non accorgersi delle bellezze che ha intorno.
Il paese che aveva probabilmente le donne più belle del mondo e che oggi "importa" da altri paesi (basta accendere la tv o leggere il giornale per vedere quante "star" non sono italiane).
Il paese che aveva i valori della famiglia, della giustizia, dello stato oggi persi chissà in quale angolo remoto.
Il paese in cui si girava in Vespa, ci si amava nella 500 e si ballava al Piper.
Il paese in cui si girava con foulard, maxi occhiali, vestitini e grandi borse per le strade delle isole più belle.
Il paese che aveva "Tintarella di luna" o "Stessa spiaggia stesso mare" come colonne sonore dell'estate e non la loro versione remixata sparata al massimo da una maxi cassa.
Il paese che ormai importa quasi tutto non tenendo conto dei talenti autoctoni che sono costretti a dare libero sfogo al loro talento in un paese straniero.

Il BEL PAESE che forse, oggi, di bello ha poco o niente.

Ecco qua dei bellissimi ricordi in bianco e nero
















Un piccolo sfogo che mi sono permessa vedendo ciò che eravamo e non siamo più!

Hope you like it
See on next post
xoxo